Chi Siamo

Nel 1853 un gruppo di dilettanti di Caprino, e alcuni di Cisano, decidono di formare una "Unione Filarmonica" e affidano a una scrittura privata un breve testo di 14 articoli che pone le basi della nuova istituzione. Il regolamento, firmato da 48 suonatori, si preoccupa sostanzialmente di fissare un primo nucleo di norme di comportamento e disciplinari. Nel 1854 viene steso un più articolato statuto della società musicale, che assume la denominazione di "Banda Civile di Caprino" Il complesso è gestito dal direttore Anselmo Rota, dal vicedirettore Giuseppe Ghisleni e da un consiglio di amministrazione di sette membri, scelti tra i bandisti.

I musicanti sono impegnati a sostenere finanziariamente la banda. Prima di entrarvi devono pagare 12 lire austriache a titolo di "tassa di buon ingresso" e sono inoltre tenuti a versare mensilmente 2.30 lire per le spese della scuola di musica e per costituire il fondo sociale Lo statuto è approvato nel luglio 1854 dalla Luogotenenza, che sancisce l'istituzione della banda e l'autorizza anche a portare una divisa Il primo maestro della banda è Antonio Woda, supplito provvisoriamente nel 1857 da Batta Rota Rossi di Caprino.Verso la fine dell' Ottocento subentra Albino Rota, insegnante dell'istituto Botta di Bergamo e maestro anche del corpo musicale del collegio vescovile di Celana, una frazione di Caprino Sono scarse le notizie fino alla seconda guerra mondiale, ma la banda resta comunque in attività, tranne che per le interruzioni belliche.Tra i maestri del Novecento sono ricordati Augusto Lanzoni, attivo nel periodo tra le due guerre, e Gian Maria Marco Pellegrini - già direttore della banda dell' ATM di Milano - che guida il complesso fino al 1951. In quell' anno la banda di Caprino si scioglie e nella zona rimane solo il corpo musicale di Pieia (frazione di Torre de' Busi). La Banda di Caprino viene ricomposta nel 1970, ad opera dell' attuale direzione con il nome di Corpo Musicale Valle San Martino e la guida del maestro Serafino Maghini. Dal luglio 1977 subentra nella direzione artistica il maestro Gianni Colombo. Dopo la ricostituzione, la banda ha tenuto concerti in tutta la Lombardia, nel Veneto, in Toscana e nella Svizzera italiana…

(da "Il tempo, le Bande" Marino Anesa)

...Inizia così la nostra storia...

La storia di un gruppo di amici che da più di trent'anni si ritrova il venerdì per suonare insieme. C'è chi sta imparando le prime note e chi non ha mai perso una prova da quando la banda è stata rifondata. Come in tutti i gruppi molti sono i volti che si sono susseguiti e ricordarli tutti è davvero difficile resta però inalterata la voglia di stare insieme e di fare musica. 

Nel corso degli anni sono cambiate molte cose e anche il Corpo Bandistico ha cercato di adeguarsi ai tempi rinnovando la propria immagine.Sono stati inseriti in repertorio brani moderni ed orecchiabili, capaci di coinvolgere ed entusiasmare il pubblico che assiste ai nostri concerti. 

Da ottobre 2003 poi la direzione artistica è stata affidata al Maestro Marco Peroni. 

E' attivo durante tutto l'anno il Corso di orientamento musicale gestito da alcuni musicanti con l'ausilio di insegnanti professionisti. Il Corso è  rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole elementari ma è accessibile a tutti le persone che vorrebbero imparare uno strumento musicale e far parte del corpo bandistico (per dettagli visitare la pagina "Corso allievi")

Attualmente il corpo bandistico è composto da circa 25 musicanti effettivi e da 10 ragazzi che stanno frequentando il corso allievi e si avvale della collaborazione di amici di altre bande che si aggiungono all' organico in occasione dei concerti. La Banda è presente alle manifestazioni civili e religiose del comune e nei paesi limitrofi dove viene richiesta, settimanalmente inoltre è impegnata nelle prove d'insieme in preparazione dei tradizionali concerti d'estate e di Natale.

Anni '70 

Prima divisa

.

.

.

.

.

.

.

Anni '80 

Biglietto d'auguri

.

.

.

.

.

.

.

.

Estate 2005

Concerto in Piazza